«

»

Dic 20

Stampa Articolo

Un nazista nel Paese delle Imperfezioni

Si ritorna alla Bizarro Fiction con uno dei romanzi brevi di Carlton Mellick III più peculiari e sentiti dall’autore: Adolf nel Paese delle Meraviglie. Solo che Adolf non è per davvero Adolf Hitler nel senso di quello storico, e il Paese delle Meraviglie è più sorprendente per la sua imperfezione, la sua follia, che per qualsiasi altro aspetto anche solo vagamente desiderabile. Il Paese visitato da Alice, per quanto strambo, al confronto è una passeggiata nel parco.

In un mondo dominato dalle idee del nazismo, due ufficiali delle SS sono sulle tracce dell’ultimo uomo imperfetto che minaccia la purezza dell’umanità.

Uno degli ufficiali si ritrova all’improvviso da solo in uno strano paesino nel mezzo del deserto, senza memoria, incapace di ricordare perfino il proprio nome. Sulla sua divisa c’è scritto Adolf Hitler, e tutti gli strani abitanti del luogo lo chiamano così. Adolf ricorda solo un dettaglio del proprio passato: la missione per trovare l’ultimo uomo imperfetto.

Il mondo in cui si muove però sembra impazzito: le persone che incontra sono ben oltre la semplice imperfezione, sono autentici mostri dai corpi deformi e dalle menti deviate. Nulla è giusto, nulla è come dovrebbe essere: neppure il giorno e la notte si alternano come dovrebbero e perfino il confine tra la vita e la morte non è più invalicabile.

Adolf non può fare altro che attraversare un mondo sottosopra, concentrato su una missione che è ormai l’unica ragione della sua esistenza.

Carlton Mellick III ha sempre voluto scrivere una storia che parlasse di nazisti e della loro “utopia”, in parte perché la sua famiglia è di origini tedesche miste: da una parte ebrei, di cui molti lontani parenti sono morti nei campi di sterminio, e dall’altra parte sostenitori del partito nazista, o perlomeno così si sospetta. Come dovrebbe sembrare ovvio, è il genere di cose di cui in una famiglia si preferisce non parlare e dopo 70 anni la memoria dei fatti è in buona parte svanita.

Carlton ci presenta una storia che unisce contenuti liberamente fuori di testa con un filo conduttore coerente nel suo manifestare l’incoerenza: ogni stranezza incontrata da Adolf è una forma di imperfezione, di devianza dalla normalità di come il mondo dovrebbe funzionare. Il romanzo diventa una gioco intellettuale nel domandarsi quale sarà la prossima imperfezione e nell’anticipare il significato folle di ciò che si sta vedendo. Un’opera che si apprezza ancora di più alla seconda lettura, quando si rivedono con occhi diversi situazioni già lette.

Ho adorato la citazione che chiude il romanzo sancendone il significato autentico. Vorrei riportarla, ma ho timore che sia un’anticipazione eccessiva, anche se è una citazione famosa. Meglio evitare. Leggete Adolf nel Paese delle Meraviglie e scoprite da soli qual è. Non è molto lungo, sono solo 30.900 parole (105 pagine circa): in una serata puoi scoprire anche tu di cosa sto parlando. ;-)

Qui la scheda di Adolf nel Paese delle Meraviglie
Compralo su StreetLib Store (ePub o Kindle) o su Amazon (Kindle).

Con cosa accompagnare questo romanzo?

Con un bel tè nero cinese (loro dicono rosso) come avrebbe fatto l’autentica Alice. Oppure con una bella birra lager in stile tedesco, per andare più nella direzione del nostro protagonista nazista: una Bock, una Doppelbock, una Marzen… vedete voi. Io vado con la Ayinger Celebrator, una delle Doppelbock più famose del mondo: profumo di caramello, prugne secche, noci e zucchero di canna. Sapore di uvetta passa, datteri, caramello scuro, forse una nota di marzapane sullo sfondo. Dolce, ma bilanciato da sufficiente amaro. I due caproni che abbracciano con le zampe il calice gigante sembreranno la cosa più normale del mondo quando avrai letto Adolf nel Paese delle Meraviglie.

Datelo via, se volete riceverlo!

Solo per i nostri lettori che ci seguono su Facebook, sarà possibile oggi e domani vincere una copia gratuita di questo elettrolibro o di un altro elettrolibro di Carlton Mellick III, basta seguire poche semplici istruzioni e incrociare le dita! Scopri come sulla nostra pagina Facebook a partire dalle 14:10 di oggi.

 

Tweet about this on TwitterShare on FacebookShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone

Dettagli sull'autore

Duca di Vaporteppa

Marco Carrara è nato in un secolo, vive in un altro e crede di vivere in un altro ancora. Dal 2006 si occupa in modo costante di narrativa fantastica e tecniche di scrittura. Dal 2008 si occupa di editoria digitale sul suo blog Baionette Librarie, di cui si è autonominato Duca. Nel gennaio 2012 ha avviato AgenziaDuca.it per trovare bravi autori e aiutarli a migliorare con corsi di scrittura mirati. Gli stessi corsi forniti gratuitamente agli autori di Vaporteppa.

Nel gennaio 2013 ha ideato il progetto editoriale divenuto Vaporteppa nell’ottobre successivo, con la decisione di Antonio Tombolini, A.D. di StreetLib, di adottare la collana. Ora è Duca sia di Baionette che di Vaporteppa, un po' come Macbeth che ottiene una seconda baronia all'inizio della sua vicenda.

Adora i conigli, gli scafandri da palombaro, i trattori e le fatine. Talvolta parla di sé in terza persona, come Silvio Berlusconi, i dittatori e i pazzi. Ops, l’ha appena fatto!

Permalink link a questo articolo: http://www.vaporteppa.it/elettrodiario/un-nazista-nel-paese-delle-imperfezioni/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *